Come si stira?

Improvvisarsi massaia è molto più difficile di quanto si possa immaginare e uno dei compiti più ostili è certamente quello dedicato alla stiratura, soprattutto perché può causare danni irreparabili a capi d’abbigliamento costosi a cui tenete molto. Qui sotto vi proponiamo una serie di consigli per utilizzare al meglio il vostro ferro da stiro.
come si stira

Che cosa avere sotto mano?

Se avete appena comprato il vostro ferro da stiro accertatevi di avere in casa anche questi altri utili oggetti:

  • L’asse da stiro
  • Un vaporizzatore per l’acqua
  • Uno straccio di cotone a portata di mano

Prima di iniziare

Queste sono alcune operazioni preliminari che vi suggeriamo di effettuare prima di iniziare a stirare:

  • Capite quanta acqua serve e dove inserirla
  • Imparate a chiudere bene la valvola perché i vestiti non si bagnino
  • Studiate il significato dei simboli sui pulsanti e i comandi del ferro
  • Imparate ad utilizzare il tasto per il vapore e quello per spruzzare l’acqua

Queste conoscenze sono importanti perché ogni tessuto ha bisogno di un grado di calore differente, quindi utilizzando il simbolo sbagliato potremmo rovinare il capo d’abbigliamento per sempre.

Come si stira? Ecco le regole da seguire

Ecco in breve le regole che dovreste sempre seguire per stirare perfettamente i vostri capi senza rischiare di danneggiarli:

  1. Non utilizzare mai il ferro da stiro a secco quando il tessuto è asciutto
  2. Effettuare un test su una piccola zona del capo da stirare, meglio se nascosta, per verificare la risposta del tessuto al passaggio del ferro
  3. La stiratura vera e propria comincia dalle cuciture e dalle pieghe per restituire la forma originale all’indumento
  4. Proseguire ancora su dettagli come i colletti e le maniche e infine sulla zona liscia seguendo sempre e comunque la direzione delle fibre del tessuto
  5. Se durante la stiratura vi rendete conto che il capo non è stato ben lavato, evitate di continuare a stirare oppure non passate il ferro sopra le macchie
  6. Evitare di tendere il tessuto e le cuciture, perché si potrebbero creare delle pieghe difficili da eliminare
  7. Inoltre, è buona norma non passare mai il ferro caldo sui bottoni, dato che il calore potrebbe deformare il metallo o la plastica di cui sono costituiti

Altri trucchi per una stiratura perfetta

Orli, cuciture e maniche

La stiratura di un orlo prevede che il ferro incominci il suo lavoro dalla parte interna e successivamente, in modo delicato, su quella esterna. Quando vi trovate di fronte a delle cuciture, se volete avere una stiratura perfetta un buon trucco è quello di usare una carta velina e premere verso l’esterno, per evitare di lasciare segni. Nelle maniche, invece, è un’ottima soluzione quella si inserire un brandello di stoffa o un asciugamano.

Lino, lana, fibre sintetiche, seta e velluto

Per eliminare gli aloni chiari e lucidi sul lino, si può immergere un panno in acqua con una goccia di vino bianco e appoggiarlo sul tessuto per pochi minuti, prima di passare il ferro da stiro. La lana invece va stirata al rovescio e quando il tessuto è asciutto, ed è sempre meglio tenere un panno umido sotto il ferro. L’utilizzo del panno umido è utile anche quando si stirano le fibre sintetiche, mentre con la seta è meglio utilizzare un foglio di carta velina. Per quanto riguarda il velluto, invece, è senza dubbio più sicuro stirarlo al rovescio.

Cravatte, ricami e capi ingombranti

La stiratura delle cravatte si esegue infilando un pezzo di cartone al loro interno e poi usare il passaggio a vapore. Se invece avete paura di rovinare un ricamo, dovete munirvi di un asciugamano, appoggiarci sopra il ricamo rovesciato e stirare. Un altro problema che vi può capitare è quello di dover stirare dei capi molto ingombranti come le lenzuola. In questo caso, la soluzione migliore è quella di aiutarsi con una sedia e appoggiare sulla spalliera una parte del lenzuolo mentre stirate l’altra sul piano di lavoro.

I migliori ferri da stiro

Nei paragrafi soprastanti vi abbiamo fornito preziose informazioni su come si stira e sicuramente vi sarete fatti un’idea più precisa di quale prodotto comprare. Per aiutarvi ulteriormente vi invitiamo a visitare la nostra pagina dei migliori ferri da stiro, in cui troverete una selezione dei migliori prodotti sul mercato.
Qui di seguito trovate invece i 3 più venduti:

Rowenta DG8960

EUR 141,09

71 lettori hanno comprato questo prodotto

» RECENSIONE» AD AMAZON
 

Che cosa tenere a mente durante la stiratura?

  • Procuratevi un asse da stiro o un tavolo coperto da un panno per non bruciare la superficie di stiratura
  • Fate pratica con i fazzoletti in tessuto
  • Munitevi di creme anti-scottature per precauzione
  • Non passate il ferro da stiro su macchie e bottoni
  • Stirare su capi ancora un po’ umidi è più facile
  • Utilizzate il ferro a diverse temperature, a seconda dei materiali (cotone, lana, sintetici).
  • Controllate l’etichetta all’interno dei capi (3 puntini: ferro al massimo; 2 puntini: ferro caldo; 1 puntino: ferro quasi freddo; una X: non si può stirare)

L’autoregolazione della temperatura

La stiratura tradizionale, come abbiamo visto ad inizio pagina, prevede che prima di iniziare ci sia una rigorosa suddivisione dei capi in base al tessuto. Questa prassi è molto importante perché ogni fibra necessita di un diverso tipo di calore. Una temperatura troppo alta, infatti, potrebbe danneggiare il capo, purtroppo in maniera irreparabile. Suddividere i capi, però, necessita di tempo e pazienza, tant’è che sempre più utenti sono alla ricerca di un ferro da stiro con “autoregolazione della temperatura“. Questa tecnologia, alquanto innovativa, sta lentamente soppiantando la stiratura tradizionale. Infatti, evitando inutili perdite di tempo per la separazione dei capi, con l’autoregolazione della temperatura è possibile stirare ogni tipo di tessuto. Dunque, senza doversi preoccupare del calore emesso dal ferro da stiro, la stiratura sarà molto più rapida e sicura, poiché non ci sarà alcun rischio di aver utilizzato una temperatura eccessiva per un capo delicato.

autoregolazione della temperatura

Tale tecnologia, specifichiamo, si può trovare sia nei modelli con serbatoio esterno che in quelli con serbatoio interno. La fascia di prezzo è dunque ampia e varia anche a seconda delle caratteristiche del singolo ferro da stiro, sebbene solitamente questo tipo di funzione faccia aumentare il costo del prodotto.

Qui sotto proponiamo alcuni ferri da stiro dotati della tecnologia appena menzionata:

Philips GC4912/30 PerfectCare Azur

94 lettori hanno comprato questo prodotto

» RECENSIONE
» AD AMAZON
Philips GC4912/30 PerfectCare Azur

94 lettori hanno comprato questo prodotto

» RECENSIONE
» AD AMAZON
Imetec Intellivapor Eco 9136

EUR 214,99 EUR 128,99

Oggi risparmi il 40%!

201 lettori hanno comprato questo prodotto

» RECENSIONE
» AD AMAZON
Imetec Intellivapor Eco 9136

EUR 214,99 EUR 128,99

Oggi risparmi il 40%!

201 lettori hanno comprato questo prodotto

» RECENSIONE
» AD AMAZON
Tefal GV7630

156 lettori hanno comprato questo prodotto

» RECENSIONE
» AD AMAZON
Tefal GV7630

156 lettori hanno comprato questo prodotto

» RECENSIONE
» AD AMAZON
Philips GC9650/80 PerfectCare Elite Silence

EUR 399,99 EUR 349,99

Oggi risparmi il 13%!

320 lettori hanno comprato questo prodotto

» RECENSIONE
» AD AMAZON
Philips GC9650/80 PerfectCare Elite Silence

EUR 399,99 EUR 349,99

Oggi risparmi il 13%!

320 lettori hanno comprato questo prodotto

» RECENSIONE
» AD AMAZON

Tessuto e temperatura

Aperta la parentesi sulla giusta temperatura da usare in base al tessuto, ci sembra giusto approfondire il discorso. Diciamo questo perché non tutti i modelli hanno ancora la tecnologia di “autoregolazione”, che offre tanti vantaggi ma che abbiamo visto avere anche un costo maggiore rispetto a tanti altri ottimi ferri da stiro che ne sono privi. La funzione di autoregolazione, tra l’altro, non è detto che sia utile a tutti, quantunque faccia sicuramente risparmiare tempo. Ad una casalinga esperta, infatti, chiedere di suddividere i panni prima della stiratura può sembrare una passeggiata, e la suddivisione oltre che per tessuto può essere utile anche per tipologia: le camicie con le camicie, l’intimo con l’intimo, i pantaloni con i pantaloni e via dicendo.
Di estrema importanza per la stiratura, ma anche per il lavaggio, è l’etichetta che troviamo all’interno di ogni capo di abbigliamento: questa, come ben mostra la foto in basso, ci indica qual è la temperatura massima da utilizzare per il tipo di indumento.

Etichetta tessuti ferro da stiro

Qui sotto, invece, vi proponiamo una tabella dove vengono elencati i tessuti più comuni e il massimo livello di calore utilizzabile:

Tessuto del capo di abbigliamento Temperatura ideale per la stiratura
NylonMeno di 150 °C
Lycra/Spandex Meno di 150 °C
AcrilicoMeno di 150 °C
AcetatoMeno di 150 °C
VellutoMeno di 150 °C
SetaCirca 150 °C
Poliestere Circa 150 °C
LanaCirca 150 °C
CotoneCirca 200 °C
LinoCirca 200 °C

22 commenti su “Come si stira?

  1. Salve, possiedo un Rowenta Professional Inox mod. DE 91.1 (credo) di circa 15/20 anni fa ma non trovo il libretto di uso e dovrei cimentarmi con questo ferro ad affrontare le prime stirature della mia vita.
    Potete aiutarmi?
    Grazie.

    1. Ciao Mauro,

      il Rowenta DE 91.1 è effettivamente un modello di ferro da stiro professionale di diversi anni fa. Putroppo qui non trattiamo prodotti professionali, ma solamente commerciali. Sarà molto difficile che tu possa trovare un libretto di istruzioni per un ferro di nicchia come il DE 91.1.

      Ciao,

      Il Team di Ferrostiro.it

  2. vorrei acquistare unferro da stiro rowenta eco intelligencee sono indecisa tra i 2 modelli DW6010 e DW6020 che si equivalgono come prezzo e mi paiono identici come funzionalita a parte il fatto che il 6020 ha l’autospegnimento.
    sono indecisa perche dalle vostre recensioni il 6010 ne esce come il miglior ferro l’altro no.vorrei dei chiarimenti in proposito grazie

    1. Ciao Anna,

      il prezzo è simile perché il Rowenta DW6020 Eco Intelligence è ora in offerta, in principio costava circa 20 euro in più … che secondo noi non erano giustificati rispetto al modello precedente; si tratta comunque di validissimo prodotto (la recensione è molto buona infatti).

      Ciao,

      Il Team di Ferrostiro.it

  3. Ciao devo cambiare il mio ferro con caldaia, dalle vs. risposte vedo che consigliate molto spesso i vari modelli della Rowenta e dall’idea che mi sono fatta penso che siano dei buoni prodotti. Il ferro che “mi ha abbandonato” era un ferro a caldaia professionale Battistella, conoscete la marca? Potete fare una comparazione con la Rowenta?? Grazie e buon lavoro.
    P.s. Domanda : per i ferri a caldaia e’ sempre meglio usare l’acqua del rubinetto piuttosto che quella addolcita?? Se si perché??? Grazie Daniela

  4. devo ricomprare il ferro da stiro ed ho un passato un po’ sfortunato in 10 anni ne ho già cambiati 3 l’ultimo è imetec il precedente polti. vorrei qualche cosa di più durevole e non ho idea di cosa prendere. siamo in 4 di solito stiro una volta a settimana 4 o 5 ore camicie magliette e pantaloni! ! aiutatemi non ho lo più pallida idea di cosa prendere. non vorrei ovviamente un ferro con un prezzo esorbitante. dimenticavo deve essere trasportabile perché non ho posto fisso! !! grazie!!!!

  5. piu’che un consiglio, vorrei porre una domanda: perche’non viene mai messo il peso dei ferri da stiro? se mi rispondete vi ringrazio e porgo distinti saluti

    1. Ciao Pietro,

      per questioni burocratici i dati li prendiamo direttamente dai siti di produzione (o quasi sempre), che non sempre forniscono questo tipo di informazione.

      Ciao,

      Il Team di Ferrostiro.it

  6. Salve, dovrei comprare il mio primo ferro da stiro,e non ho idea su quale sia il migliore..non amo molto stirare ma dovro imparare, dato che il mio futuro marito usa molto le camice…vorrei un ferro buono, sicuro e duraturo..

  7. Un anno fa ho acquistato un ferro da stiro con caldaia mod.Rowenta DG 8860 Pro Perfect. Durante la fase di stiratura, dalla base della caldaia, ha cominciato ad uscire vapore. Prima di portarlo in assistenza ho pensato di contattarvi per chiedervi se può dipendere dal calcare. Avendo perso il libretto di istruzioni non so che decalcificante usare per la pulizia della caldaia.

    1. Ciao marina,

      purtroppo non rispondiamo a domande concernenti manutenzione, assistenza tecnica o di uso del prodotto successivo all’acquisto.

      Pubblichiamo comunque la tua domanda, nel caso qualche altro utente abbia avuto un caso simile al tuo e possa aiutarti (prova a contattare direttamente la Bosch).

      Ciao,

      il Team di Ferrostiro.it

  8. Ho acquistato rowenta dg 8975 e mi chiedevo che differenza c’è con il dg 8960 i requisiti indicati mi sembrano gli stessi. Grazie e buonasera

    1. Ciao donatella,

      purtroppo non rispondiamo a domande concernenti manutenzione, assistenza tecnica o di uso del prodotto successivo all’acquisto.

      Pubblichiamo comunque la tua domanda, nel caso qualche altro utente abbia avuto un caso simile al tuo e possa aiutarti.

      Ciao,

      Il Team di Ferrostiro.it

  9. Salve, vorrei un consiglio. Oggi ho stirato la cravatta di mio marito ma non é stato possibile inserirci il cartone perché presente la cucitura dell’asola destinata all’altro capo della cravatta; allora, ho passato il ferro a temperatura minima su tutta la lunghezza ma é rimasto il segno dell’asola sottostante!!! Come posso eliminarlo? Dovrei scucire la cravatta e procedere alla stiratura? Anche se non si vede tanto, sono mortificata perché trattasi di una cravatta nuova destinata ad essere indossata ad una cerimonia che all’acquisto era risultata non perfettamente stirata.

    1. Ciao Milena,

      purtroppo non rispondiamo a domande concernenti manutenzione, assistenza tecnica o di uso del prodotto successivo all’acquisto.

      Pubblichiamo comunque la tua domanda, nel caso qualche altro utente abbia avuto un caso simile al tuo e possa aiutarti.

      Ciao,

      Il Team di Ferrostiro.it

  10. 1- 5 volte
    2-no
    3-si
    4- non perda gocce durante la stiratura e non emetta vapore quando messo a riposo in verticale
    5- 30/40 euro
    Quale ferro con caldaia incorporata dovrei scegliere dopo la delusione di Philips GC 4846? grazie

Lascia un commento

Hai bisogno di un consiglio?*
Scrivi qui sotto, risponderemo il prima possibile!

*Il nostro sito offre un servizio informativo sugli acquisti: non risponderemo quindi a domande inerenti a problemi di assistenza tecnica o manutenzione.

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *